Viaggiare per scoprirsi

Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite.
Mark Twain

Partire significa abbandonare la propria “comfort zone”. Non ho dubbi al riguardo. (Sì, per carità, magari il resort extra lusso all inclusive al massimo la sposta soltanto ma non è quello a cui mi riferisco).

aeroporto

Io nella mia comfort zone, poi, ci sto tanto bene. Quando sono nella mia quotidianità amo e ho bisogno dei miei punti di riferimento. Persone, luoghi, cibi, sentimenti. Però sento ciclicamente la necessità di andare un po’ a perdermi. Per ritrovarmi. E scoprirmi.

Scopro più di me quando sono in viaggio di quanto non scopra nel resto delle mie giornate.

sedia

Quando ero a Cuba ho scoperto che non mi serve per forza l’acqua calda per fare la doccia o il latte freddo di frigorifero la mattina a colazione. Ho scoperto che l’amicizia è proprio una cosa semplice. E ho scoperto che per essere felice basta anche una macchina sgangherata su una strada che non è una strada senza le indicazioni e sotto la pioggia scrosciante.

cuba

A Ibiza ho scoperto che, anche se cresco più velocemente di quello che vorrei, rimango sempre un po’ bambina con la voglia di ridere e ballare e bere un mojito sulla spiaggia al tramonto.

A New York ho scoperto che ovunque scappi mio marito mi ritrova sempre (storia tragi-comica da crisi ipoglicemica per “colazione ritardata”). Ho scoperto di riuscire a camminare più chilometri di quanti ne riesca a contare. E ho scoperto che il concetto di pranzo e cena e colazione e spuntino e merenda è abbastanza relativo e che ce la faccio a sopravvivere senza. Sì, ce la faccio, ma che dopo un po’ “pietà, ho bisogno di un piatto di pasta”.

A Barcellona ho scoperto che, come la maggior parte degli italiani all’estero, adoro camminare con il mio cappuccino in mano. E ho scoperto, soprattutto, un amico di quelli che non ti lasciano più e a cui ti puoi affidare ad occhi chiusi.

barcellona

Nello Yosemite ho scoperto che noi italiani siamo ovunque. Insieme agli spagnoli. E che mentre sei lontano lontanissimo da casa sentire ad un certo punto urlare “torna qua, non ti allontanare da mamma” ti fa venire proprio un gran sorriso.

E poi a Giethoorn, in Olanda, invece ho scoperto che mi ha stancato sentire urlare ovunque “non ti allontanare da mamma”.

olanda

A Londra ho imparato che il sole esce sempre alla fine, specie quando e dove non te lo aspetti.

A Sidney ho imparato che è proprio vero che “necessità fa virtù”. Che quando le cose le devi fare, allora le fai. E basta. Che le situazioni si prendono in mano e si gestiscono pure con la paura che non ti fa quasi respirare.

A Formentera ho imparato che adoro andare in giro in scooter e che, no, la sangria non fa per me.

formentera

E a Tikeahu ho imparato che la magnificenza della natura allevia i momenti difficili.

Per la strada tra Alice Springs e Ayers Rock ho imparato a guidare con la guida a destra e a trovare un birra anche in mezzo al deserto. Ed esultare di felicità.

australia

A Los Angeles ho scoperto di non aver mai mangiato prima delle ribs e un hamburger che potessero essere definiti tali.

In Messico ho imparato che se ci si fida delle persone ciò che ne scaturisce può essere indimenticabile.

messico

In Grecia ho imparato che la frutta e lo yogurt con il miele a colazione mi piacciono da matti. E che, sì, adoro proprio andare in giro in scooter dietro a mio marito.

collage_grecia

E ogni volta scopro che è meraviglioso tornare a casa.

Se non mi fossi mai allontanata dalla mia comfort zone tante di queste cose non le avrei scoperte o confermate.

I prossimi next stop sono nell’ordine: Giappone, Sicilia, Thailandia e Cambogia e non vedo l’ora di aggiornare l’elenco delle cose che ho imparato.

grecia_5

3 pensieri su “Viaggiare per scoprirsi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...